LA STRADINA DEL PANETTIERE

“tutto il nostro mondo percettivo primario,
è intrinsecamente un’interpretazione”

gialloesse fotografia

Annunci

ABBAGLIO

La più grave minaccia al nostro pianeta è la
convinzione che qualcun altro lo salverà.

 

gialloesse fotografia

i ricordi, qualche volta ….

il tramonto le torri gemelle e un jet su Manhattan

al 107° piano di una delle due torri si cena

si balla

e si guarda il panorama !

Sono immagini mie ricavate in fermo immagine da riprese effettuate con la mia telecamera
in occasione di un documentario negli USA.

gialloesse fotografia

rosso di sera…

…ci sono pittori che dipingono il sole come una macchia gialla, ma
ce ne sono altri che, grazie alla loro arte e intelligenza, trasformano
una macchia gialla nel sole.
(Picasso)

 

gialloesse fotografia

ESTATE ROMANA

gialloesse fotografia

UNA SERA A ROMA

 

Perché la forma è bella ? Perché – penso – ci aiuta ad affrontare la nostra paura peggiore, il timore che
la vita non sia che caos e che la nostra sofferenza non abbia alcun senso.
( Robert Adams )

 

gialloesse fotografia

VENTO

I compiti del vento sono pochi,
sospingere navi, in mare,
insediare marzo, scortare maree,
e accompagnare la libertà…….
(Emily Dickinson)

gialloesse fotografia

 

BLU’

nel sogno il colore è idea, concetto, sentimento, come nella pittura veramente grande

gialloesse fotografia

DALLA FINESTRA

 Venezia

E’ una caratteristica fondamentale della percezione umana quella che
noi percepiamo soltanto il prodotto del nostro atto percettivo.
Non percepiamo invece i mezzi tramite i quali questo prodotto è stato creato.

gialloesse fotografia

 

VENEZIA 1985


…….Ciò che il programma realistico della fotografia comporta
è solo la convinzione che la realtà sia nascosta.
Ed essendo nascosta è necessario svelarla.
Tutto ciò che la macchina fotografica registra è una rivelazione……..

(Susan Sontag)

fotografia gialloesse

Di là dagli alberi

dsc_7126

 

C’ è sempre un po’ d’inverno
e magari un giardino
veramente lontano

è davanti
alle parole

(Antoine Emaz)

foto gialloesse

UNA FOTO HAIKU

pdsc_7062s

HAIKU

nello haiku non è soltanto l’avvenimento propriamente detto che prevale,
ma è anche ciò che a noi evocherebbe una scena dipinta o meglio una evidenza assoluta,
una piega leggera con cui viene pinzata con un gesto veloce, la pagina della vita,
la seta del linguaggio

foto gialloesse

CRITICA LETTERARIA

gsn_9671u

foto gialloesse

Povera Sicilia, lercia e miserabile ancor di più perché chi vorrebbe difenderla si nasconde dietro la magniloquenza.
La stupidità ha il pregio di sapersi camuffare ma in alcune persone questa qualità viene dissipata dal fanatismo.

ATTUALITA’

 

montaggio e riprese gialloesse, foto Enzo Signorelli, musica J.M. Jarre

VAI COL ROCK

DSC_2613

 

foto gialloesse

appunti su una vita bellissima

DSC_3007 (2)

foto gialloesse

Sono stato un giorno in ospedale per degli esami (sciocchezze ). Chiaccheravo con un medico ed abbiamo fatto i nomi di alcuni direttori sanitari ed amministrativi che si sono succeduti alla responsabilità di quel moderno nosocomio. In linea di massima eravamo daccordo sul fatto che tutti ( 6 ) erano stati onesti ed avevano fatto bene. Ecco, io ho fatto il reporter per 35 brevissimi anni, ho girato il mondo ed ho frequentato quanto di più brutto, sconvolgente, cattivo, penoso e disonesto esiste su questo pianeta. Questo perchè, ovviamente, solo il male fa notizia: lo sanno tutti. Tornando a casa però mi è venuto in testa un pensiero, e cioè che se faccio il conto di tutte la persone con le quali per tanti motivi ho avuto a che fare, ebbene le persone belle, pure di cuore e stimabili sono di più, tante di più. Mi ha riempito il cuore questo pensiero, credo sia una certezza molto bella e da condividere.

… SI VIAGGIARE …

CONCERTO PER VIOLINO E PIANOFORTE

DSC_6530

DSC_0951

DSC_1759z

foto gialloesse

Errare è umano e perseverare è diabolico, si dice,  ok sono diabolico allora : perché io insisto.
Bisogna usare la fantasia per mostrare i diversi aspetti della realtà.
Un tentativo di chiarimento è forse d’obbligo. Un soggetto che si muove nelle quattro
dimensioni, le tre spaziali più la quarta temporale, appare completamente dissimile  se osservato
per un tempo che non è quello della nostra percezione oculare perché in quell’intervallo dello spazio-tempo
è quella sua realtà.
Il motivo, il fine ? Mi piacerebbe riuscire a visualizzare il suono.
La foto della tastiera sembra una macchia di luce colorata e assolutamente mossa e fuori fuoco.
Osservata bene però essa mostra un punto di nitidezza in coincidenza delle dita sopra i tasti.
Ecco, le dita non sono sfocate ma mosse, che è cosa diversa. Allo stesso modo, entro la profondità di fuoco,
si trovano il corpo del violino ed il ponticello nella prima immagine, e le corde nella terza foto (la violinista). Stanno suonando,
e per farlo si muovono anche al di fuori della nostra percezione : in un altro spazio tempo appunto. Il suono viene da là.

CONCERTO PER SAX CHITARRA E FISARMONICA

DSC_2058

DSC_2613

DSC_2694

foto gialloesse

Non basta premere il pulsante di scatto e riprodurre ciò che abbiamo davanti, mica la realtà è una sola !

INDEFINITO, IMPRECISO E INCERTO

GSN_8557

DSC04578BW

DSC04584

 

FOTO GIALLOESSE

 

CATANIA CENTRALE

Così, tanto per essere chiari….

DSC_1973XX

 

foto gialloesse

inverno, notte
insomma tutto ciò che è opposto al mare
forma una specie d’onda controvento
a cui assisto
e osservo, dal mio punto di vista,
un cielo azzurro (blu)
che certo non è più blu di altri,
nuvole ottuse e grasse e,
a voler proprio essere poetiche,
un amore (uh!)
nè meglio nè peggio di qualsiasi altro amore

la luna è sempre lì, al suo posto,
ok, normale,
non ha un cazzo da dirmi,
respiro schifose polveri sottili
di cui quest’aria cittadina è piena,
vorrei essere altrove con un altro uomo
così
spezzo i pensieri e fingo siano poesia.


La poesia è di “rosavelata.wordpress.com”

 

AMICI PER LA PELLE

                           DSC_4320             foto gialloesse

FORME … SOLTANTO.

ATTUALITA’

 

montaggio e riprese gialloesse, foto Enzo Signorelli, musica J.M. Jarre

LE BANDIERE

GSN_7457X

foto gialloesse

Bisogna usare la fantasia per mostrare i diversi aspetti della realtà

La normalità ?

DSC_0129Cfoto gialloesse

” la normalità è una strada lastricata : è comoda per camminare, ma non vi cresce nessun fiore ”
( V. Van Gogh )

tu mi sfuggi

DSC_9004

   foto gialloesse

CONTROLUCE

 

 

dintorni2A

foto gialloesse

Pensare è per gli stupidi, i cervelluti si affidano all’ispirazione. ( Stanley Kubrick  )

bersaglio

zDSC_6247

foto gialloesse

 

Ma attente, ragazze,

perché quando morirò

vi rapirò una dietro l’altra

sul mio cavallo di nebbia.

(federico garcia lorca)

IL RITRATTO.

erika1p

ERIKA. foto gialloesse.

QUANDO LO ZOOM …

DSC_8153

foto gialloesse

…. A cosa serve fotografare ciò che è davanti ai nostri occhi, riprodurre quello che già vediamo,
che tutti possono vedere ?
L’immagine è infinita e misteriosa e la fotografia ha il compito di svelarla….

LE MISS

DSC_3962BW1

M’infiamma il desiderio

e brillano i miei occhi.

Sistemo la morale nel primo cassetto che trovo,

mi muto in demonio,

e bendo gli occhi dei miei angeli

per

un bacio.

(Maram Al Masri)

 

 foto gialloesse

CITY

DSC_2195paesaggio

Mia moglie
Mia moglie è scomparsa insieme ai suoi vestiti.
Si è lasciata dietro due paia di calze di nylon e
una spazzola per capelli dimenticata dietro il letto.
Vorrei richiamare la vostra attenzione
su queste calze formose e sul robusto
capello scuro impigliato tra le setole della spazzola.
Lascio cadere le calze nel sacco della spazzatura; la spazzola
me la tengo e la userò io. E’ solo il letto
a sembrare strano e impossibile da spiegare.    (Raymond Carver)

foto gialloesse

 

Nuovo anno. Nuovo?

DSC_3679 (2)

Foto gialloesse

Augurarsi e augurare che l’anno nuovo risulti migliore del precedente è
consuetudine antica e significativa. Ci dice che in tutta la storia
dell’umanità non c’è mai stato un anno così ben riuscito da chiedere il bis.

 

il ritratto

wp-2

Biglietto natalizio a Giulio

Non ti scrivo per quello. Capisco
bene come succede. Anch’io ti scrivo
solo oggi gli auguri del caso.
Non ti chiedo perché non hai risposto
ancora alle mie lettere. Lo so
come succede: si rimanda, si
rimanda indefinitamente
e, prima ancora che per sé,
si muore negli altri.
(Daria Menicanti)

….. senti come piove

 

GSN_6399B

La pioggia sul parabrezza – foto gialloesse

In questo week-end
ho dormicchiato
ammazzato formiche nel bagno
passeggiato per Roma
letto “ Meno zero “ di Ellis
scritto qualche poesia
lavato per terra
dipinto un grande quadro
ascoltato sotto una coperta rossa
la pioggia cadere e cadere e cadere

(GIANCARLO TRAMUTOLI)

 

Ladra

DSC_8265 (2)

 

Cosa vogliono le donne, Kim Addonizio

Voglio un vestito rosso.
Lo voglio leggero e a buon mercato,
voglio che sia troppo stretto, lo voglio portare
finché qualcuno non me lo strappi di dosso.
Lo voglio sbracciato e scollato,
quel vestito, così nessuno dovrà immaginarsi
cosa c’è sotto. Voglio andarci per strada
passare davanti al discount e alla ferramenta
con tutte quelle chiavi che brillano in vetrina,
davanti al caffè dei signori Wang coi bomboloni
del giorno prima, davanti ai fratelli Guerra
che buttano i maiali dal camion sul muletto,
issandosi in spalla quei lucidi grugni.
Voglio andare in giro come fossi l’unica
donna al mondo a caccia di una preda.
Lo voglio davvero quel vestito.
Lo voglio per confermare
i tuoi peggiori sospetti su di me,
per farti vedere quanto poco ci tengo a te
o par farti vedere tutto, tranne quello che voglio.
Appena lo trovo, lo tiro giù
dalla gruccia perché cerco un corpo
che mi porti nel mondo, in mezzo
alle urla del parto e a quelle dell’amore,
e lo indosserò come ossa, come pelle,
sarà lo stramaledetto
vestito dentro cui mi seppelliranno.

MARE

a3

Ricordo che, quand’ero nella casa
della mia mamma, in mezzo alla pianura,
avevo una finestra che guardava
sui prati; in fondo, l’argine boscoso
nascondeva il Ticino è, ancor più infondo,
c’era una striscia scura di colline.
Io allora non avevo visto il mare
che una sol volta, ma ne conservavo
un’aspra nostalgia da innamorata.
Verso sera fissavo l’orizzonte;
socchiudevo un po’ gli occhi; accarezzavo
i contorni e i colori tra le ciglia:
e la striscia dei colli si spianava,
tremula, azzurra: a me pareva il mare
e mi piaceva più del mare vero.

Antonia Pozzi

foto gialloesse

 

 

 

 

 

Dedicata

GSN_6389D

  Ciao Marta  (tramedipensieri.wordpress.com)

 

Se piove non è lo stesso in casa o fuori
al tavolo di un bar
vuoto nel vuoto, scuro
nello scuro.  Le femmine
che corrono via nelle pozzanghere
quando grida di sé la primavera
e è come se le auto si fermassero
e il cielo odora di vecchio e di nuovo.
Madonna mia, che freddo,
che bel freddo…

(Filippo Davoli)

foto gialloesse

non so che titolo mettere

mSC_0003b

 

lontano, un rimorchiatore ha fischiato; il suo appello ha passato il ponte,
ancora un’arcata, un’altra, la chiusa, un altro ponte, lontano, più lontano…
Chiamava a se tutti i barconi del fiume, tutti, e la città intera, e il cielo e le campagne,
e noi e tutto trascinava, anche la Senna, tutto, e che non se ne parli più.

                                                                                                                                                                                             da “Viaggio al termine della notte” di L. F. Celine, ultimo paragrafo.

foto gialloesse

RITRATTO

DSC_4928BW                            foto gialloesse

Voglio prenderti
– benchè sia vecchio e povero –
non l’oro né la seta;
soltanto i semplici, freschi, puri
(appassionatamente), profumati,
lievi (adiratamente), soavi capelli.

E portarti per la strada,
spettinata,
ondulando nel vento
-liberi, sciolti a modo loro-
i tuoi capelli scuri
come una lunga e nera sghignazzata.

                                                                 (Angel Gonzales)

per ringraziare Marta “tramedipensieri.wordpress.com”

albero

Tutto il cielo cammina come un fiume,
grandi blocchi traendo di fiamma e d’ombra.
Tutto il mare rompe, onda dietro onda,
splendido, alle sfuggenti dune.

L’albero, chiuso nel puro contorno,
oscuro come uno che sta su la soglia,
muto guarda, senza battere foglia,
gli spazi agitati dal trapasso del giorno.      (Diego Valeri )

 

                                               foto gialloesse

DSC_0159

IL MELOGRANO

DSC_0943

 

Il mio melograno è un alberello ancora piccolo. Sta in un grande vaso nella piccola terrazza esposta a nord. Temo che prenderà troppo freddo questo inverno: dovrà subire la tramontana. Ma non posso spostarlo, mi dicono che non si può perché le piante devono abituarsi al posto in cui vivono.  E’ lì dal mese di  Maggio,  da quando in televisione un agronomo che teneva una rubrica sulle piante da tenere in casa me ne fece omaggio.
–“ lo trapianti in autunno mi disse, in un vaso più grande “ – . Tornando a casa mi fermai  da un vivaista per comprare due sacchetti di terra e arrivato lo piantai subito. Gli davo un bicchiere di acqua al giorno insieme a tanto amore.  Cresceva sicuro e in salute. Sopportava il sole spietato del sud ,i giorni di terribile afa, la calda umidità che arrivava anche all’ottanta / novanta per cento ed i giorni di temperatura intorno ai quaranta gradi. E cresceva a vista d’occhio. Io lo guardavo ogni giorno, gli sorridevo e lo incoraggiavo. Una volta mi sono seduto accanto a lui a leggere Celine e dopo un poco mi sono accorto che con il suo ramo più lungo, rivolto nella direzione nella quale mi trovavo, lui mi accarezzava, mi toccava la spalla sinistra e il collo nudo, eravamo in piena calda estate. Quasi certamente aveva chiesto l’aiuto del vento per farlo, loro si parlano, lo sanno tutti. E un giorno ha fatto un incantesimo, mi ha regalato un fiore, uno solo, di un rosso vermiglio stupendo. Lo tengo sulla scrivania accanto la tastiera del computer.
Ora è arrivato l’autunno, con la prima pioggia e un venticello fresco che vorticando sembra promettere che tornerà più forte e deciso. Le foglie del mio melograno sono diventate di un verde più scuro e cupo.  Un colore intenso e meno tenero di prima. Ecco, forse si prepara a fronteggiare il nemico gelo. Io gli voglio bene e gli starò vicino. Affronterò con lui il lungo inverno e il vento rabbioso e gelido che arriverà scavalcando  il vulcano. Ce la faremo, sono certo.

VOLO D’ESTATE

DSC_4606c

foto gialloesse

silenzio

foto enzo signorelli

Io ho un amico prezioso che fa il fotoreporter, è molto bravo, lavora in giro per il mondo e ogni tanto mi regala qualche CD rom colmo di foto sue. Così poc’anzi cercavo una foto da mettere nel desktop del PC che ho dovuto sistemare e, stanco di proporre mie immagini, ho cercato nella sua cartella. Tra paesaggi esotici, attrici bellissime politici grassi e guerrieri minacciosi, è apparsa questa immagine e mi sono venute la lacrime agli occhi. Si, penso che per un po’ la vedrò apparire ogni volta che accenderò il PC.

AUTUNNO

per ringraziare enrica

DSC_0964 - Copia
                                                                                                                    foto gialloesse – http://www.flickr.com/photos/giallorock/

Questa è una foto casualmente trovata navigando per il vasto oceano elettronico. Non sò nemmeno di chi sia, ma non si tratta di una foto qualunque e credo pertanto che vada riconosciuta al suo autore una riflessione sul significato di questa immagine.

Qualcuno è andato via. Anche se non necessariamente per un fatto tragico, qualcuno non c’è più.Si intravvede un altro ambiente infondo a sinistra tra le magnifiche ringhiere in ferro battuto della scala, e anche questo sembra vuoto, non frequentato. Quì davanti invece spicca la massa della tenda bianca come una vela gonfiata dal vento che una porta finestra lascia libero di entrare. Sembra una vela e come tale sottolinea il movimento, ma è proprio questo dinamismo a evidenziare l’immobilità di una assenza. L’ambiente è pulito, lindo elegante e queste sue qualità urlano che è vuoto per una mancanza improvvisa. L’inquadratura è leggermente inclinata a destra e questo dettaglio aggiunge un che di inquietante alla scena. Ma è il particolare dello specchio posto davanti a noi,all’altezza di chi guarda, ad imprimere il significato più profondo. E’ posto al centro ottico della inquadratura per essere evidenziato. Anch’esso è fuori asse, ma la sua inclinazione è adesso drammatica. E’ il punto centrale della raffigurazione ed è fuori dalla verticale, tutto pertanto in quella casa è fuori asse. Uno specchio non è un oggetto qualunque, esiste per mostrare, e questo mostra il vuoto, il nulla abitato, un nulla drammaticamente vissuto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: